Illachime quartet
SEARCH
Filed under Recensioni, Soundtrack 2019

il Mattino, recensione a Soundtrack

Tra neomelodici e trapper, ogni tanto spunta l’eccezione che conferma la regola che vuole la musica ridotta – anche in città – a mainstream, più o meno glocal. La resistenza di una scena underground, sperimentale, avantgarde, chiamatela come vi pare, trova carbonara conferma in un pugno di progetti e di spazi come l’ex Asilo Filangieri in cui non a caso è stato registrato questo disco: gli Illachime Quartet tornano insieme per un quarto disco e raccolgono «cinque pezzi facili» scritti in passato per film e documentari e altrettanti «pezzi non facili» frutto di sessioni improvvisative. I leader Gianluca Paladino (chitarra), Fabrizio Elvetico (elettronica, basso, piano), più Pasquale Termini (violoncello) e una vecchia conoscenza come Ivano Cipolletta (batteria, è sulla scena sin dai tempi seminali della Vesuwave con Les Bandards Foux e Panoramics) in «Soundtrack for parties on the edge of the void» si muovono tra atmosfere sospese e sferragliamenti rumorosi, punk astratto e free jazz per big band post-atomiche, rumori implosi e melodie esplose. Accompagnati da un mucchio selvaggio di terroristi sonici, i quattro tessono colonne sonore inquietanti, senza mai cedere al facile effetto, alla routine, ma nemmeno al tedio delle finte avanguardie che non cercano altro che l’applauso onanista.

Federico Vacalebre

Share
Facebook Twitter Google+

Rispondi