Illachime quartet
SEARCH

(english version below)

chi viene con noi al party sull’orlo del baratro? 

Care amiche e cari amici, dopo sei anni di inattività e grazie al sostegno di uno dei più importanti centri culturali autogestiti italiani, l’Asilo (ex Asilo Filangieri) di Napoli, siamo tornati a suonare assieme e abbiamo registrato un nuovo album
Siamo tornati perché mai si è spento il fuoco di una ricerca musicale trasversale ai generi, che nel tempo ci ha regalato tanti riconoscimenti: dalle entusiastiche recensioni ai nostri lavori precedenti alla collaborazione con prestigiose figure della musica internazionale – da Mark Stewart del Pop Group a Graham Lewis dei Wire, a Rhys Chatham, a Salvatore Bonafede, per citarne solo alcuni – e infine alla collocazione in libri che hanno selezionato su decenni di storia i progetti di riferimento delle musiche altre in Italia, da Solchi Sperimentali Italia di Antonello Cresti a Rock Progressivo Italiano 1980 – 2013 di Massimo Salari. 

Chi siamo 

Per chi non ci conoscesse, Illachime Quartet nasce nel 2002 dall’incontro tra due musicisti partenopei, Fabrizio Elvetico – polistrumentista e compositore – e Gianluca Paladino – chitarrista e sonorizzatore di ambienti e multimedia – a cui si aggiungono nel tempo molti musicisti, per approdare oramai da diversi anni alla formazione attuale con il violoncellista Pasquale Termini e il batterista Ivano Cipolletta. Dal 2002 al 2010 pubblichiamo per diverse label 3 album e partecipiamo a 2 compilation internazionali. 
Siamo sempre restati fedeli a un non genere musicale ibrido ed influenzato da musica per film, improvvisazione, jazz, post-rock e tanto altro, per il quale abbiamo escogitato le formule inedite di avant jazz-free form-abstract punk. 

Il disco: Soundtrack for parties on the edge of the void

Il nuovo album che uscirà nel 2019 è un concept diviso in due parti ispirate a una pellicola cult degli anni ’70: Cinque pezzi facili

Parte A – Five Easy Pieces 
È composta di rielaborazioni di colonne sonore originali di Illachime Quartet prodotte per vari filmati e documentari, ed eseguite con una vera e propria Big Band. Motivati esclusivamente dalla stima nei confronti del progetto e per amore della musica, vi hanno preso parte ben diciannove pregevoli musicisti dalle molteplici provenienze, di cui troverete l’elenco nei credits più sotto. 

Parte B – Five Uneasy Pieces 
È il risultato di due sessioni di integrale improvvisazione tenute dal Quartetto presso il teatro de l’Asilo nel febbraio 2018. Dalle registrazioni delle improvvisazioni abbiamo selezionato 5 momenti. 

… e il titolo dell’album? 

it’s time to make a difference, it’s time to take a stand [illachime quartet with mark stewart, discentro, 2009]

be’ vista la destinazione originaria delle composizioni abbiamo deciso di chiamarlo Soundtrack. Ma poiché non abbiamo mai smesso di prestare attenzione ai segnali che ci vengono dalla realtà sociale e politica del mondo attuale, abbiamo aggiunto un sottotitolo: for parties on the edge of the void. In un mondo che sembra sempre più sull’orlo del baratro a causa di violenze di ogni genere, devastazione ambientale, economie predatorie e razzismo dilagante, invitiamo all’incontro accogliente e festoso, e alla condivisione tra le persone. Non è un caso a questo punto che la realizzazione del disco sia stata resa possibile dal supporto dell’Asilo Filangieri, comunità aperta e plurale che fa dell’attraversabilità, della cooperazione e dell’interdipendenza i suoi principi cardine. 

il crowdfunding 

Nonostante la straordinaria disponibilità da parte di chi ha partecipato alla realizzazione del disco, la band ha dovuto autotassarsi per coprire una serie di voci di spesa: si è trattato sì di un’autoproduzione, ma con la volontà di realizzarla e di promuoverla nelle migliori condizioni. Perciò abbiamo deciso di lanciare una campagna di crowdfunding che ci permetta di recuperare almeno una parte delle spese del progetto e di sostenerlo uno volta nato.

credits 

Ed ecco l’elenco dei nomi di chi partecipa e ha partecipato alla realizzazione di Soundtrack – for parties on the edge of the void: 

Illàchime Quartet 

Fabrizio Elvetico piano, piano elettrico, basso, elettronica
Gianluca Paladino chitarra 
Ivano Cipolletta batteria e percussioni
Pasquale Termini violoncello, violoncello elettrico

the Soundtrack Big Band 

Carlo Mascolo trombone 
Charles Ferris tromba
Ciro Riccardi tromba, flicorno soprano 
Elisa Vito fagotto 
Francesca Diletta Iavarone flauto 
Giulio De Asmundis sax tenore
Giuseppe Giroffi sax alto
Lauro Rossi trombone 
Lee Koeltz tromba 
Marcello Vitale mandolino elettrico
Marco Pezzenati vibrafono 
Max Fuschetto sax soprano
Nino Spezzano clarinetto, clarinetto basso
Pietro Santangelo sax tenore
Rosa Maria Meoli clarinetto
Sara Piccegna oboe 
Sergio Albano chitarra in alluminio
Shelly Bisirri trombone 
Umberto Lepore contrabbasso
 
produzione: Illachime Quartet e l’Asilo-exasilofilangieri.it
fiati arrangiati e condotti da Fabrizio Elvetico
registrato da Fabrizio Elvetico
assistenti di registrazione: Marco MessinaRenato FioritoDavide Palmentiero 
missaggio: part A: Marco Messina presso Katanga Studio (Napoli); part B: Carlo Di Gennaro presso Kammermuzak Studio (Napoli) 
mastering: Giovanni Roma presso L’arte dei rumori studio (Marano – Napoli)
video promo realizzato da Duilio Meucci e Marcello Sannino
social network: Stefania Accardi
foto band: Sabrina Merolla

ringraziamenti speciali a chi ha aiutato Illachime: Antonio Raia, Cesare Di Transo, David Power, Elena Cepollaro, Emanuela Arceri, Francesco Desiato, Gloria Isita, Susanna Simonetto e l’intera comunità de l’Asilo

… chi viene con noi al party sull’orlo del baratro? 


Soundtrack (for parties on the edge of the void)

The fourth album by Illachime Quartet

Dear friends,

after six years of inactivity and thanks to the support of one of the most important Italian self-managed cultural centers, l’Asilo (ex Asilo Filangieri) of Naples, we returned to play together and we recorded a new album.
We are back because our focus on musical research crossing genres has never been extinguished, and has given us so many awards. Among these, a lot of enthusiastic reviews about our works; the collaboration with prestigious figures of international music like Mark Stewart of Pop Group, Graham Lewis of Wire, Rhys ChathamSalvatore Bonafede, and many others; the placement in books that have selected over decades of history the reference projects of experimental music in Italy, from Solchi Sperimentali Italia by Antonello Cresti to Rock Progressivo Italiano 1980 – 2013 by Massimo Salari.

Who we are

For those who do not know us, Illachime Quartet was founded in 2002 after the meeting between two musicians from Naples, Italy: multi-instrumentalist and composer Fabrizio Elvetico and guitarist and multimedia musician Gianluca Paladino. They worked through the years with many musicians and finally the lineup was permanently settled with cellist Pasquale Termini and drummer Ivano Cipolletta. From 2002 to 2010 we published 3 albums for several labels and we gave our contribution for 2 international compilations.
We have always remained faithful to a non-hybrid music genre influenced by music for film, improvisation, jazz, post-rock and much more, for which we have come up with the formulas of avant jazz-free form-abstract punk.

The album: Soundtrack for parties on the edge of the void

The new album that will be released in 2019 is a concept made of two parts inspired by a cult movie of the ’70s: Five easy pieces.

Part A – Five Easy Pieces
This part is made of re-elaborations of original soundtracks by Illachime Quartet produced for various movies and documentaries, and performed with a real Big Band. Nineteen valuable musicians took part, exclusively motivated by the esteem for the project and by love of music. You can find the list of them in the credits below.

Part B – Five Uneasy Pieces
It is the result of two improvisation sessions recorded by the Quartet at the l’Asilo theatre in February 2018. We have selected 5 moments from these recordings.

.. what about the album title?

it’s time to make a difference, it’s time to take a stand [illachime quartet with mark stewart, discentro, 2009]

according to the original destination of the compositions, we decided to name it Soundtrack. But since we have never stopped to pay attention to the signs that come to us from the social and political situation of the world nowadays, we have added a subtitle: for parties on the edge of the void. In a world that seems more and more on the brink of the abyss due to violence of all kinds, environmental devastation, predatory economies and rampant racism, we invite to the welcoming and festive meeting, and to the sharing among people. Under this point of view it’s not a coincidence that the realization of the album has been made possible by the support of the Asilo Filangieri, an open and plural community that makes cross-disciplinarity, cooperation and interdependence its basic principles.

the crowdfunding

Despite the extraordinary love received from those who contributed to the making of the album, it was anyway a self-production, but with the desire to realize and promote it in the best conditions. So we have decided to launch a crowdfunding campaign that will allow us to recover at least a part of the costs of the project and to support it once it is born.

credits

And here is the list of names of those who participated in the realization of Soundtrack – for parties on the edge of the void:

Illàchime Quartet

Fabrizio Elvetico electronics, electric bass, piano, electric piano 
Gianluca Paladino guitar 
Ivano Cipolletta drums & percussion 
Pasquale Termini acoustic & electric cello

the Soundtrack Big Band

Carlo Mascolo trombone 
Charles Ferris trumpet 
Ciro Riccardi trumpet, flugelhorn 
Elisa Vito bassoon 
Francesca Diletta Iavarone flute 
Giulio De Asmundis tenor sax 
Giuseppe Giroffi alto sax 
Lauro Rossi trombone 
Lee Koeltz trumpet 
Marcello Vitale electric mandolin 
Marco Pezzenati vibraphone 
Max Fuschetto soprano sax 
Nino Spezzano clarinet & bass clarinet 
Pietro Santangelo tenor sax 
Rosa Maria Meoli clarinet 
Sara Piccegna oboe 
Sergio Albano aluminum guitar 
Shelly Bisirri trombone 
Umberto Lepore double bass 

music production and recording: Fabrizio Elvetico 
winds written and conducted by Fabrizio Elvetico 
recording assistants: Marco Messina, Renato Fiorito, Davide Palmentiero 
mixing: part A: Marco Messina at Katanga Studio (Napoli); part B: Carlo Di Gennaro at Kammermuzak Studio (Napoli) 
mastering: Giovanni Roma at L’arte dei rumori studio (Marano – Napoli) 
video promo realized by Duilio Meucci and Marcello Sannino 
social network: Stefania Accardi 
band photo: Sabrina Merolla

many thanks to everyone helped Illachime: Antonio Raia, Cesare Di Transo, David Power, Elena Cepollaro, Emanuela Arceri, Francesco Desiato, Gloria Isita, Susanna Simonetto and the entire community of l’Asilo

..who comes with us at the party on the edge of the void?

For this page, the comments are closed.